Camera Prisma

image_pdfimage_print

PRISMA è un progetto aperto che vede la collaborazione di persone provenienti da diverse realtà sia professionali che amatoriali. Per ragioni pratiche abbiamo deciso di strutturare la collaborazione in Comitati Tematici, che hanno il compito di prendere in esame e discutere i vari aspetti e problematiche relative a ciascun ambito di competenza. Ciascun Comitato nomina un proprio rappresentante che, insieme agli altri rappresentanti e al Coordinatore del progetto, formano il Project Office, luogo di sintesi delle proposte provenienti dai Comitati e di decisione per tutte le azioni riguardanti il progetto stesso. Il Project Office si avvale di un Advisory Committee costituito da esperti.

Anche l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti partecipa a questo progetto con la sua camera prisma posizionata sul tetto dell’osservatorio.

Mappa Rete Prisma Italia

IL PROGETTO

Il progetto PRISMA prevede la realizzazione di una rete italiana di camere all-sky per l’osservazione di meteore brillanti (fireball e bolidi), al fine di determinare le orbite degli oggetti che le provocano e delimitare con un buon grado di approssimazione le aree dell’eventuale caduta di frammenti per poter recuperare le meteoriti. Il monitoraggio sistematico della copertura nuvolosa e dell’attività elettrica sarà usato per la validazione di modelli meteorologici. I dati raccolti in maniera sistematica contribuiranno al perfezionamento dei modelli di interazione dei corpi cosmici con l’atmosfera che a tutt’oggi presentano ancora molte lacune a causa della mancanza di dati osservativi di qualità.

Immagine camera prisma OPC

CHI PUÒ PARTECIPARE

Al progetto partecipano ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e delle Università, Gruppi Astrofili e Osservatorî Astronomici e Meteorologici regionali e locali. Anche le Scuole sono coinvolte con un programma didattico e con laboratori di astronomia che intendono far partecipare gli studenti e i singoli cittadini alle attività di ricerca del progetto, fianco a fianco con i ricercatori.

Comments are closed.